Principale AstronomiaQuasi 13.000 anni fa, l'impatto di una cometa ha dato fuoco a tutto

Quasi 13.000 anni fa, l'impatto di una cometa ha dato fuoco a tutto

Astronomia : Quasi 13.000 anni fa, l'impatto di una cometa ha dato fuoco a tutto

Circa 12.800 anni fa, il pianeta Terra ha attraversato un breve scatto freddo non correlato a nessuna era glaciale. Per anni, ci sono stati geologi che hanno sostenuto che questo periodo è stato causato da un'esplosione aerea o da frammenti di meteoriti (noti come la teoria dell'impatto di Youngas Dryas). Si ritiene che questo evento abbia causato una distruzione diffusa e la scomparsa della cultura Clovis in Nord America.

Questa teoria è rimasta controversa da quando è stata proposta per la prima volta. Tuttavia, un team internazionale di scienziati ha recentemente scoperto prove geologiche in Sud America che potrebbero risolvere il dibattito. Come ultima indicazione di un impatto che ha avuto luogo durante il periodo Younger Dryas Boundary (YDB), questo cratere indica che gli effetti di questo evento potrebbero essere stati più diffusi di quanto si pensasse in precedenza.

L'articolo che descrive i risultati del team è apparso di recente sulla rivista Science Reports. Il team era guidato dal paleontologo cileno Mario Pino e comprendeva numerosi geologi del Cile e degli Stati Uniti, oltre a James Kennett, professore emerito di geologia presso l'UC Santa Barbara. Come indicano nel loro studio, quest'ultimo cratere da impatto è stato trovato nella provincia di Osorno, nel sud del Cile.

Una nuova ricerca mostra che circa 12.800 anni fa, un sorprendente 10 percento della superficie terrestre della Terra, o circa 10 milioni di chilometri quadrati, è stato consumato dagli incendi. Credito: Pexels.com.

Come notato da Kennett in un recente articolo in The Current (una stampa universitaria gestita da UCSB), il cratere avrebbe portato a una distruzione diffusa, caratterizzata da combustione di biomassa, estinzioni megafaunali e raffreddamento globale. "È molto più estremo di quanto avessi mai pensato quando ho iniziato questo lavoro", ha detto. "Più lavoro è stato fatto, più estremo sembra."

La scoperta è stata resa possibile da un gruppo di scienziati cileni che stavano studiando strati di sedimenti nel noto sito paleontologico e archeologico quaternario, noto come Pilauco Bajo. Anni fa, questi scienziati hanno riconosciuto i cambiamenti nella documentazione relativa ai sedimenti associati all'evento di impatto YDB.

Questi includevano uno strato di "tappetino nero" che coincide con la scomparsa di fossili megafauna sudamericani e manufatti umani risalenti al Pleistocene (12.800 anni fa), indicando un grave mutamento del clima. Questa è stata una grande scoperta poiché la stragrande maggioranza delle prove per l'impatto di YDB è stata trovata nell'emisfero settentrionale.

Ciò include una precedente scoperta fatta da Kennett e da un'altra squadra di geologi, che hanno scoperto un cratere da impatto molto giovane che misura 31 km (19, 25 mi) di diametro sotto la calotta glaciale della Groenlandia. Come ha spiegato, quest'ultima scoperta aggiunge al peso complessivo delle prove per la teoria dell'impatto:

“Abbiamo identificato lo strato YDB ad alte latitudini nell'emisfero australe a circa 41 gradi a sud, vicino alla punta del Sud America. Questa è una grande espansione dell'estensione dell'evento YDB ... Poiché il sequenziamento di questi eventi sembrava quello che era già stato descritto nei documenti YDB per il Nord America e l'Europa occidentale, il gruppo ha deciso di eseguire ricerche di proxy relativi all'impatto nella ricerca del livello YDB. "

Rappresentazione artistica dell'impattore Chicxulub che colpisce la Terra antica, con l'osservazione di Pterosaur. Credito: NASA

Questa analisi ha rivelato la presenza di microscopiche sfere (sferule) di minerali che si pensava si fossero formate in presenza di temperature estremamente elevate. Gli strati contenenti queste sferule hanno anche mostrato alte concentrazioni di particelle di platino, oro e ferro che raramente si trovano in natura.

Ancora più sorprendente è stata la presenza insolita di cromo, un elemento che non si trova in nessuna delle sferule di impatto YDB dell'emisfero settentrionale. Ciò coincide con ciò che è stato trovato nelle rocce vulcaniche provenienti dalle Ande, il che indica che gli oggetti cometari associati a quell'impatto devono aver colpito anche in quella parte del Sud America.

Altre prove che Pino e il suo team hanno considerato avevano a che fare con indicazioni di disgregazione ambientale in Sud America che erano datate allo stesso periodo. Questi includevano campioni di micro-carbone e polline nello strato di impatto che erano indicativi di un grande evento di combustione di biomassa, il più grande che fosse mai stato visto in migliaia di anni, in effetti.

Tutto ciò indica che c'è stato un brusco e importante cambiamento nel clima. Tuttavia, a differenza di quanto accadde nell'emisfero settentrionale, dove il clima divenne improvvisamente freddo e umido, le condizioni a Pilauco divennero rapidamente calde e secche. Un impatto che ha avuto luogo in molti punti del globo spiegherebbe questo effetto "altalena" tra le cinture climatiche zonali.

Impressione dell'artista dell'era pleistocenica, che mostra mammut lanoso, leoni delle caverne che mangiano una renna, tarpan e rinoceronte lanoso. Credito: Wikipedia Commons / Mauricio Antón

La velocità con cui ha avuto luogo questo cambiamento è spiegata meglio da un impatto, piuttosto che da processi oceanici più lenti. Un impatto è anche una spiegazione più probabile di come i grandi animali nativi del Sud America durante l'era pleistocenica - come giganteschi bradipi di terra, gatti sabretooth, mammut e gomfermi - si estinsero.

Spiegherebbe anche perché i campioni fossilizzati di ossa e manufatti umani nello strato di impatto - che sono simili a quelli attribuiti alla cultura Clovis nell'America settentrionale - sono diminuiti molto all'improvviso. Ma come ha spiegato Kennett, la cosa più impressionante di questa scoperta è la distanza tra essa e il sito ben studiato dell'armadio in Sud America - a circa 6.000 km (3730 mi) di distanza - che espande notevolmente l'estensione dell'evento di impatto YDB:

“Questa è un'ulteriore prova del fatto che l'insorgenza climatica di Younger Dryas è un evento globale estremo, con conseguenze importanti sulla vita animale e sulla vita umana dell'epoca. E questa sezione di Pilauco è coerente con quella. "

Ricostruire la storia geologica del nostro pianeta è la chiave per capire come si è evoluta nel tempo e quali effetti ha avuto sull'evoluzione della vita qui sulla Terra. Questa conoscenza è tornata utile anche per determinare quali effetti ha avuto l'umanità sul pianeta nell'ultimo periodo - comunemente soprannominato "Antropocene" dai geologi.

Ulteriori letture: UCSB

Categoria:
Studio della NASA Predetto epidemia di virus mortale
Marte incontra il MiniMoon durante l'eclissi lunare totale più lunga del secolo