Principale AsteroidsUn asteroide è stato scoperto poche ore prima che esplodesse in Africa

Un asteroide è stato scoperto poche ore prima che esplodesse in Africa

Asteroids : Un asteroide è stato scoperto poche ore prima che esplodesse in Africa

Sabato 2 giugno, gli skywatcher in Botswana hanno riportato una palla di fuoco estremamente luminosa nel cielo. Un distanziatore di 2 metri si schiantò nell'atmosfera percorrendo 17 chilometri al secondo, si disintegrò nell'atmosfera e illuminò brevemente il paesaggio.

ULTIME NOTIZIE!! ??
Un #asteroide ha appena colpito l'atmosfera terrestre, scatenando una palla di fuoco sopra la nazione sudafricana del Botswana alle 12:44 pm EDT mentre si precipita giù a un'enorme 38.000 mph? Sono 10 miglia al secondo, ma non preoccuparti, è bruciato nell'atmosfera (phew) pic.twitter.com/T5gGR1OHJN

- Link Institute (@LinkObservatory) 5 giugno 2018

Questo tipo di evento accade continuamente - si chiamano "bolidi" o "palle di fuoco" - ma ciò che rende diverso questo evento è il fatto che l'oggetto era stato "scoperto" poche ore prima che si schiantasse nell'atmosfera. Fu scoperto per la prima volta da Catalina Sky Survey, un telescopio automatizzato situato vicino a Tuscon, in Arizona. Il telescopio ha ripreso l'immagine dell'asteroide, successivamente designato a Los Angeles nel 2018, quando era fuori alla distanza della Luna. Si stava muovendo rapidamente e ha lasciato una striscia sulle immagini di esposizione al tempo scattate dal telescopio.

Sulla base di questi pochi punti dati, gli astronomi sono stati in grado di prevedere che l'oggetto avrebbe colpito la Terra da qualche parte dall'Africa meridionale attraverso l'Oceano Indiano fino alla Nuova Guinea, all'incirca nel momento in cui è stata segnalata la palla di fuoco del Botswana. Non è certo, ma i tempi coincidono bene.

Illustrazione di un oggetto vicino alla terra. Credito: NASA / JPL-Caltech

L'intero processo è stato una buona prova del sistema di rilevamento automatizzato, con i dati trasferiti dal telescopio Catalina al Minor Planet Center e al Center for Near-Earth Object Studies della NASA, che ha confermato che l'asteroide avrebbe colpito la Terra. Ma hanno anche calcolato che era un oggetto troppo piccolo per causare rischi al di là di un bel cielo.

E proprio nei tempi previsti, il 2 giugno 2018, lo scienziato meteorologo e astronomo planetario Peter Brown ha misurato l'impatto dell'astronave che è esplosa nell'atmosfera sopra il Botswana, rilasciando 0, 3-0, 5 kilotoni di energia, che corrisponde a un asteroide di 2 metri di diametro .

Palle di fuoco come questa avvengono su base regolare, ma questa è solo la terza volta che un asteroide è stato rilevato com'era su una traiettoria di impatto. E secondo Paul Chodas, direttore del Center for Near-Earth Object Studies (CNEOS) di JPL. È anche solo la seconda volta che è stata prevista l'elevata probabilità di un impatto ben prima dell'evento stesso.

L'ultima volta che un oggetto ha rappresentato un rischio per l'uomo è stata la meteora di Chelyabinsk che è esplosa in Russia il 15 febbraio 2013. Quando lo spacerock di 20 metri è esploso con l'equivalente di 400-500 kilotoni di TNT. Questo superbolide non è stato rilevato in anticipo perché è stato oscurato dalla vista dal sole. La forza dell'aria ha fatto esplodere le finestre, mandando 1.491 persone in ospedale con ferite. Dozzine furono temporaneamente accecate dall'intenso lampo di luce.

Se ci fosse stato un avvertimento anticipato, il pubblico avrebbe potuto essere avvertito e in grado di prendere precauzioni. Questo è il motivo per cui questi sistemi di rilevamento automatico sono così preziosi e perché il Sole che blocca una regione del cielo è un problema così grande.

A questo punto, gli astronomi hanno rilevato più di 8000 asteroidi vicino alla Terra che hanno una larghezza di almeno 140 metri. Ma questo è solo circa un terzo degli Near Earth Objects (NEO) che hanno il potenziale per avere un impatto sulla Terra. E ci sono probabilmente decine di milioni di oggetti che hanno un diametro di 10-20 metri.

Nel 2017, la NASA ha pubblicato un rapporto in cui descriveva come potevano aumentare drasticamente il numero di navicelle spaziali rilevate. Posizionando un telescopio spaziale nel punto Lagrange Sole-Terra L1, gli astronomi avrebbero una vista da circa 1, 5 milioni di km di distanza dalla Terra. Ciò consentirebbe loro di vedere una regione del cielo che è oscurata dal Sole dalla Terra.

Il telescopio spaziale NEOCam rileverà le regioni dello spazio più vicine all'orbita terrestre, dove è più probabile trovare asteroidi potenzialmente pericolosi. NEOCam utilizzerà la luce a infrarossi per caratterizzare le loro proprietà fisiche come i loro diametri. (Credito immagine: NASA / JPL-Caltech)

Una missione nelle opere si chiama NEOCam, che consiste in un singolo telescopio da 50 centimetri in grado di osservare due lunghezze d'onda infrarosse separate. Ciò gli permetterebbe di trovare gli asteroidi relativamente freddi mentre passano oltre la Terra. Anche gli asteroidi più scuri, più difficili da vedere sarebbero rilevabili dal NEOCam.

Nel corso di un sondaggio di 4 anni, NEOCam dovrebbe sollevare circa 2/3 degli oggetti vicino alla Terra più grandi di 140 metri. Questi sono quelli che causeranno danni significativi alla superficie della Terra, ovunque colpiscano. E mentre continua, potrebbe aiutare a trovare circa il 90% dei NEO.

Quindi l'impatto di sabato è stato un ottimo test del sistema, dimostrando che gli astronomi possono rilevare gli asteroidi in entrata appena prima di colpire la Terra. Non è ancora stato verificato se questo può fornire alle persone abbastanza avvertimenti e se sapranno cosa fare per stare al sicuro.

Fonte: NASA / JPL. Traiettoria immagine di Tom Ruen.

Categoria:
Lander sovietico avvistato da Mars Orbiter
Dinamo al cuore della luna che una volta alimentava il campo magnetico uguale a quello della Terra