Principale AstronomiaSi scopre che Andromeda è più giovane della Terra ... In un certo senso

Si scopre che Andromeda è più giovane della Terra ... In un certo senso

Astronomia : Si scopre che Andromeda è più giovane della Terra ... In un certo senso

Sin dai tempi antichi, gli astronomi hanno guardato il cielo notturno e hanno visto la galassia di Andromeda. Come la galassia più vicina alla nostra, gli scienziati sono stati in grado di osservare e scrutare questa gigantesca galassia a spirale per millenni. Nel 20 ° secolo, gli astronomi si resero conto che Andromeda era la galassia sorella della Via Lattea e si stava muovendo verso di noi. Tra 4, 5 miliardi di anni, si fonderà persino con i nostri per formare una supergalassia.

Tuttavia, sembra che gli astronomi si siano sbagliati sulla galassia di Andromeda sotto un aspetto importante. Secondo un recente studio condotto da un team di astronomi francesi e cinesi, questa gigantesca galassia a spirale si è formata da un'importante fusione avvenuta meno di 3 miliardi di anni fa. Ciò significa che Andromeda, come lo conosciamo oggi, è effettivamente più giovane del nostro sistema solare, che lo ha battuto di circa 1, 5 miliardi di anni!

Lo studio, intitolato "Un grande paradigma della fusione di 2-3 miliardi di anni per la galassia di Andromeda e la sua periferia", è apparso di recente nelle comunicazioni mensili della Royal Astronomical Society. Guidato da Francois Hammer, il principale investigatore delle galassie, Etoiles, Physique et Instrumentation (GEPI) dipartimento dell'Osservatorio di Parigi, il team comprendeva membri dell'Accademia cinese delle scienze e dell'Università di Strasburgo.

Per motivi di studio, i dati raccolti da recenti sondaggi si basavano su notevoli differenze tra le galassie di Andromeda e della Via Lattea. Il primo di questi studi, che ha avuto luogo tra il 2006 e il 2014, ha dimostrato che Andromeda ha una ricchezza di giovani stelle blu nel suo disco (meno di 2 miliardi di anni) che subiscono movimenti casuali su larga scala. Questo è in contrasto con le stelle nel disco della Via Lattea, che sono soggette solo a una semplice rotazione.

Inoltre, profonde osservazioni condotte tra il 2008 e il 2014 con il telescopio franco-canadese nelle Isole Hawaii (CFHT) hanno indicato alcune cose interessanti sull'aureola di Andromeda. Questa vasta regione, che è 10 volte più grande della galassia stessa, è popolata da gigantesche correnti di stelle. Il più importante dei quali è chiamato "Giant Stream", un disco deformato che ha conchiglie e grumi ai suoi bordi.

Utilizzando questi dati, la collaborazione franco-cinese ha quindi creato un modello numerico dettagliato di Andromeda utilizzando i due computer più potenti disponibili in Francia: il MesoPSL dell'Osservatorio di Parigi e il supercomputer IDRIS-GENCI del Centro nazionale per la ricerca scientifica (CNRS). Con il modello numerico risultante, il team è stato in grado di dimostrare che queste recenti osservazioni potevano essere spiegate solo da una recente collisione.

Fondamentalmente, conclusero che tra 7 e 10 miliardi di anni fa, Andromeda consisteva in due galassie che avevano lentamente raggiunto un'orbita incontrante. Dopo aver ottimizzato le traiettorie di entrambe le galassie, hanno determinato che si sarebbero scontrati da 1, 8 a 3 miliardi di anni fa. Questa collisione è ciò che ha dato alla luce Andromeda come la conosciamo oggi, che lo rende effettivamente più giovane del nostro Sistema Solare - che si è formato quasi 4, 6 miliardi di anni fa.

Inoltre, sono stati in grado di calcolare le distribuzioni di massa per entrambe le galassie madri che si sono fuse per formare Andromeda, il che indicava che la galassia più grande era quattro volte più grande della più piccola. Ma soprattutto, il team è stato in grado di riprodurre in dettaglio tutte le strutture che compongono Andromeda oggi - inclusi il rigonfiamento, la barra, l'enorme disco e la presenza di giovani stelle.

La presenza di giovani stelle blu nel suo disco, che è rimasta inspiegabile fino ad ora, è attribuibile a un periodo di intensa formazione stellare che ha avuto luogo dopo la collisione. Inoltre, strutture come il "Giant Stream" e le conchiglie dell'alone appartenevano alla galassia madre più piccola, mentre i grumi diffusi e la natura deformata dell'alone erano derivati ​​da quella più grande.

Il loro studio spiega anche perché le caratteristiche attribuite alla galassia più piccola hanno un'abbondanza di elementi pesanti rispetto alle altre - vale a dire che era meno massiccia, quindi formava meno elementi pesanti e stelle. Questo studio è immensamente significativo quando si tratta di formazione ed evoluzione galattica, principalmente perché è la prima simulazione numerica che è riuscita a riprodurre una galassia in modo così dettagliato.

È anche significativo dato che un impatto così recente avrebbe potuto lasciare materiali nel gruppo locale. In altre parole, questo studio potrebbe avere implicazioni che vanno ben oltre il nostro vicinato galattico. È anche un buon esempio di come strumenti sempre più sofisticati stiano conducendo a osservazioni più dettagliate che, se combinate con computer e algoritmi sempre più sofisticati, stanno portando a modelli più dettagliati.

Ci si può solo chiedere se la futura intelligenza extra-terrestre (ETI) trarrà conclusioni simili sulla nostra galassia una volta che si fonderà con Andromeda, tra miliardi di anni. La collisione e le caratteristiche risultanti saranno sicuramente di interesse per chiunque specie avanzata che è in giro per studiarlo!

Ulteriori letture: Osservatorio di Parigi, comunicazioni mensili della Royal Astronomical Society

Categoria:
Supporti della NASA pronti per il team di transizione di Trump
Il nuovo studio di Antares crea la migliore mappa di sempre di una stella lontana