Principale Recensioni del libroStar Ark: un'astronave vivente e autosufficiente

Star Ark: un'astronave vivente e autosufficiente

Recensioni del libro : Star Ark: un'astronave vivente e autosufficiente

Pensa alla facilità. Con un semplice comando di "Make it so" gli umani hanno viaggiato da una stella all'altra in meno tempo rispetto al bere una tazza di caffè. Almeno questo è ciò che accade nel dominio televisivo a tempo limitato. In realtà non è così facile. Né Rachel Armstrong travisa questo punto nel suo libro di saggi all'interno di "Star Ark - A Living Self-sostenere Spaceship"; un libro che porta una realtà fondamentale nel viaggio stellare.

Sì, molte persone vogliono viaggiare verso altre stelle. Non siamo pronti per questo. Stiamo ancora programmando di uscire dall'atmosfera protettiva della Terra (di nuovo). Tuttavia, fare i preparativi e fare una pianificazione oculata è l'obiettivo di questo libro. Saggiamente, questo libro non è tecnico. Non menziona calcoli di impulsi specifici o scudi ionici. Piuttosto, questo libro offre una visione molto liberale dei viaggi nello spazio e riflette su questioni profonde come se il cosmo sia un ecosistema.

La nostra specie ha una cultura adeguata per i viaggi nello spazio? Cos'è esattamente un essere umano? Queste preoccupazioni vengono sollevate in alcune sezioni molto stimolanti. E dato che l'editore è un architetto e uno che apparentemente considera le qualità emotive di una struttura tanto quanto le qualità funzionali, allora la presentazione di questo libro tende ad essere un po 'più sul lato filosofico delle cose.

In particolare, esamina i benefici degli esseri viventi. Ad esempio nota che gli esseri umani vivono in relazioni simbiotiche con una miriade di organismi interni ed esterni. La maggior parte è già andata nello spazio o all'interno di persone che hanno viaggiato nello spazio o eventualmente su sonde inviate su altri pianeti. Quindi non siamo le uniche specie che hanno viaggiato oltre la Terra. Ma quali esseri sono sufficienti e necessari per mantenere in vita gli umani per le generazioni necessarie per viaggiare verso un'altra stella? Quella domanda e molte risposte arrivano spesso.

Inoltre, i saggi affrontano questioni più grandi come: che cos'è la vita? La nave potrebbe essere un costrutto organico? In che modo gli umani di oggi potrebbero evolversi in viaggiatori di domani? Gli umani dovrebbero viaggiare nello spazio e promuovere / continuare la panspermia? Sì, queste domande e molte altre sono state sollevate nei saggi raccolti in questo libro. E fedele al modulo per qualsiasi libro che consideri il viaggio con le stelle, non ci sono risposte rigide. Vi sono tuttavia molte idee e concetti per preparare meglio gli umani.

Gran parte di questo libro sembra incentrato sul coinvolgimento degli autori nel progetto Persephone di Icarus Interstellar. Eppure c'è una descrizione molto piccola di entrambi. Tuttavia, il libro contiene meravigliose descrizioni di esperimenti di Biitschli, spiegazioni di pareti viventi e critiche su produzioni teatrali.

Ci sono alcuni passaggi immaginari e alcune poesie. Il lungo elenco di riferimenti indica un'ampia conoscenza delle questioni tecniche, sebbene l'attenzione sia rivolta all'umanità e all'aspetto vivente. Questa attenzione scorre attraverso i saggi, ma avere una raccolta di molti autori crea un flusso disgiunto. Gli stili di scrittura sono unici, i punti di vista sono particolari e l'enfasi è specializzata per ciascuno. Tuttavia, continua a emergere un punto di vista comune. Cioè, siamo già su un'astronave vivente; la terra. La Terra offre una piattaforma unica per valutare la capacità di viaggiare verso altre stelle. I saggi affermano che si tratta o è stato almeno un vero e proprio sistema di supporto vitale autosufficiente chiuso. E, come sembra essere la norma in questi giorni, i saggi riconoscono che le soluzioni per i viaggi nello spazio sarebbero altrettanto buone per le persone che rimangono sulla Terra o viaggiano sulla Luna o su Marte e così via. Questa cura e preoccupazione per l'organismo vivente mantiene il libro ben radicato, per così dire.

Il cercatore di soluzioni onnicomprensive potrebbe essere un punto di forza o di debolezza per la collezione di Rachel Armstrong nel libro "Star Ark - A Living Self-Susesh Spaceship". Come descrivono i saggi del libro, gli umani hanno un'incredibile capacità di pensare e agire in modo astratto. Solo immaginare un tentativo di inviare esseri senzienti a un'altra stella lo dimostra. Ma saremo in grado di attuare questa idea e quale forma potrebbe assumere una nave stellare? Leggere questo è facile. Prendere le misure necessarie sarà altrettanto semplice?

Il libro è disponibile qui tramite Springer.
Ulteriori informazioni sull'autore, Rachel Armstrong, qui.

Revisione del libro e omaggi: conoscilo tutto: 132 domande da grattare alla testa sulla scienza che ci circonda
Prima immagine dettagliata del disco di accrescimento intorno a una giovane stella